A caccia con “Sos de Paddedda”
26 ottobre 2018
Benelli Day a Settimo S. Pietro
26 ottobre 2018

Gli istriani di Renzo Dalu

Tutti gli appassionati cacciatori che si avvicinano al mondo della selezione cinofila si devono scontrare con una serie illimitata di problematiche che la genetica impone. Inoltre per poter selezionare una determinata razza canina la si deve conoscere alla perfezione, saper riconoscere tare e difetti, avere bene in mente il concetto di tipo e modello. Coloro i quali mettono su un discreto canile con un buon numero di soggetti devono inoltre avere tanto tempo a disposizione per poterli accudire. È necessario partecipare ad esposizioni canine e prove di lavoro per poter certificare la bontà dei propri animali, macinare chilometri e guadagnarsi il tanto desiderato CAC. Infine quando arriva il momento di una cucciolata il carico di lavoro aumenta a tal punto da scoraggiare parecchie persone. I pochi tenaci e motivati allevatori che reggono in maniera continuativa questa divertente attività devono a questo punto affrontare un aspetto non trascurabile che riguarda la vendita dei cuccioli. Il prezzo giusto spesso scende vorticosamente per poter stimolare i pochi acquirenti spesso in difficoltà economiche. Finisce che tutti questi sacrifici producono degli utili che arrivano a malapena a pareggiare le tante spese affrontate. Utili tra l’altro indispensabili per poter effettuare acquisti di soggetti interessanti provenienti da altri allevatori. Per questi motivi, ogni qualvolta visito un allevatore cinofilo, nutro un profondo sentimento di riconoscenza per il lavoro svolto e per le enormi fatiche affrontate.

Sono stato invitato a visitare l’allevamento di segugi istriani di Renzo Dalu e qualche giorno  dopo  lo raggiungo a Loculi, di fronte a casa sua. Renzo è il capo dei battitori della squadra “Su Piccante”, nome derivato dal territorio in cui praticano le battute di caccia grossa. Affrontando territori di caccia piuttosto impegnativi, è maturata qualche anno fa l’idea di allevare segugi istriani e per partire col piede giusto ha deciso di acquistare dei soggetti direttamente dalla terra d’origine, la Croazia. Così arrivarono in Sardegna due femmine e un maschio che diedero origine alle prime cucciolate sarde. Fu una bella soddisfazione quando i cuccioloni portati sul terreno iniziarono a dimostrarsi tremendamente efficaci. La percentuale di buoni soggetti per cucciolata è stata da subito alta, caso abbastanza raro per chi intraprende questo tipo di attività, per questo motivo il ceppo originario dei riproduttori è stato mantenuto invariato. I cani di Renzo sono quindi nati in Sardegna ma sono degli istriani a tutti gli effetti.

Dopo aver visitato il canile situato a fianco alla casa di Renzo, decidiamo di spostarci in una vicina ZAC per ammirare i cani a lavoro. Il vero punto di forza di questi segugi è la rapidità d’azione, le doti di accostatori e di inseguitori sono senza dubbio vincenti e, se la muta lavora compatta e coesa, la seguita che ne deriva è emozionante come poche altre. Il problema sul cinghiale è l’abbaio a fermo che viene mantenuto poco per privilegiare la volontà di aggressione al selvatico. Quest’attitudine deriva da un carattere primordiale, istintivo e deciso, supportato da un naso fine. E’ abituato a territori difficili, a notevoli escursioni termiche fra giorno e notte e possiede una struttura funzionale e dinamica. L’istriano è un cane forgiato da una natura severa e da uomini che hanno sempre badato al sodo, sarà per questo che in Sardegna è così apprezzato dalle compagnie di caccia grossa. Per la cronaca gli istriani di Renzo hanno scovato in poco tempo 2 cinghiali riducendo le distanze fino a raggiungere una scrofa di una trentina di chili. Per evitare danni abbiamo recuperato la muta che compatta aveva focalizzato il suo interesse per scopi… alimentari!  Ma Renzo mi dice che nonostante siano cani aggressivi nei confronti del selvatico, è piuttosto raro che uno di questi si faccia ferire dal cinghiale, la velocità d’azione e il gioco di squadra mettono in crisi l’animale braccato impedendogli di ragionare. È queso il vero punto di forza dei segugi istriani.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Centro delle preferenze sulla privacy

Google Analytics

_ga, _gid, _gat, _gtag

Utilizzato per inviare dati a Google Analytics in merito al dispositivo e al comportamento del visitatore. Tiene traccia del visitatore su dispositivi e canali di marketing.